Villa Lais a Roma

Villa Lais è situata sulla Tuscolana, a piazza Cagliero, vicino la Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice. In origine occupava un’area delimitata a sinistra dal passaggio del rivo dell’Acqua Mariana ed in alto dal percorso degli antichi acquedotti. La zona era caratterizzata da due vigne la prima chiamata “alli Condotti” dalla vicinanza dell’acquedotto Felice la seconda alla “Ferriera” dal nome di un’opificio per la lavorazione del ferro costruito sul corso della Marrana.

La residenza suburbana risalente ai primi del Novecento si trova nei pressi di un’antica Villa costruita nella prima metà del Settecento per la famiglia de Carolis. Nel 1746 la dimora fu acquistata dal principe Scipione Publicola Santacroce, nome con cui figura già nel Catasto Gregoriano del 1818, fino al 1868 nel Plan de Rome degli Ufficiali di Stato francesi.

Nel 1872 Filippo e Giuseppe Lais, famiglia romana di talenti artistici ed intellettuali, divennero i nuovi proprietari della Villa Santacroce. Fecero importanti interventi di riqualificazione del complesso che riguardarono la creazione di un giardino “padronale” il giardino all’italiana era ormai distrutto, la costruzione di nuovi edifici di servizio, lasciando intatti solo il casino nobile e la fontana principale.

Il casino nobile fu il frutto dell’intervento di fusione della più antica costruzione rurale con accorpamenti successivi atti ad ingentilire la struttura. All’estremità orientale fu aggiunta una torretta in stile medievale e all’estremità occidentale fu inserito un corpo di fabbrica basso di forma semicircolare sede della piccola cappella privata affrescata in stile romanico. L’interno fu decorato da pitture a tempera ed a olio simbolo della cultura eclettica dell’arte sacra del tempo.

Dopo numerosi passaggi di proprietà, l’antica villa subì consistenti danni a seguito dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

La dimora rimase in stato di abbandono fino al 1954 quando fu acquistata dalla Congregazione dei Padri del Preziosissimo Sangue che la demolì per far posto ad un moderno seminario per l’educazione dei fanciulli.

La restante area negli anni ’90 del Novecento fu acquistata dal Comune di Roma, VII Municipio, che avviò importanti opere di recupero nei primi anni del Duemila. Dell’intero complesso e dei giardini sopravvivono diversi edifici di varie dimensioni con differenti destinazioni d’uso: tre casali agricoli di forme rustiche, la casa del giardiniere, il garage scuderia, limitrofi al casino, la serra e l’edificio principale risalenti agli inizi del Novecento. Le stalle, la rimessa degli animali ed una piccola serra, sono state restaurate ed adibite per scopi civici e sociali. La villa è stata aperta come giardino pubblico e l’edificio nobiliare come sede per istituzioni comunali.

La sala matrimoni civili di Villa Lais

La nuova sala è in funzione nei seguenti giorni: lunedì dalle ore 15.00 alle 18.30 venerdì dalle ore 15:00 alle 18:30 sabato dalle ore 9:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:30.

Le modalità per contrarre matrimonio civile nella sala comunale di Villa Lais (ingresso da Piazza G. Cagliero) sono le seguenti: gli sposi possono prenotare il matrimonio presso l’Ufficio Anagrafico del VII Municipio in Via Tommaso Fortifiocca n. 71 piano terra. La visione fotografica della Sala Comunale di Villa Lais è possibile sia all’Ufficio sopraindicato, sia sul sito del VII Municipio e sia all’Ufficio Matrimoni dell’Anagrafe Centrale sito in Via Luigi Petroselli 50, 2° piano.

Per ulteriori informazioni i cittadini possono rivolgersi telefonicamente ai seguenti Uffici:
– Ufficio Anagrafico del IX Municipio – Tel. 06 69609308/ 440/ 430

Continue Reading

Hotel a Roma: Marriott Grand Hotel Flora

Hotel a Roma: Marriott Grand Hotel Flora

L’originario Hotel Flora è situato sulla via Veneto nel rione Ludovisi, che mantiene nel suo toponimo il nome della celebre e prestigiosa Villa Ludovisi, seicentesca, più grande della Villa Borghese, con parco e alberi secolari, lottizzata e sacrificata nel 1883 dagli eredi Boncompagni Ludovisi per la nascita del nuovo quartiere.

Il complesso fu edificato nel 1895 su un progetto di Andrea Busiri Vici (1818-1911) come residenza privata per la famiglia Borghese. Successivamente venne modificato per il benestante tedesco-russo Krumngel e destinato ad Albergo. Nel 1907 la proprietà passò ai Signorini, famiglia di albergatori, che ampliarono la costruzione e la resero famosa. Nel 1925 l’edificio fu rimodernato completamente e prese le nuove sembianze con un corpo centrale e con due avancorpi leggermente sporgenti. Lo stabile è articolato su tre livelli e coronato da un attico ritmato da eleganti colonne ioniche.

Il piano nobile è caratterizzato da tre balconi con balaustre sorrette da cariatidi in stile classicheggiante. Con la stessa eleganza, le finestre sono decorate da colonne corinzie coronate da timpani triangolari e curvilinei. L’Hotel luogo prediletto dagli intellettuli e dagli artisti è ricordato sia da Paul Valery e sia dalla poetessa Ada Negri. Vi soggiornarono importanti personaggi come il Principe Massimiliano di Baviera, Richard Nixon, Paul Getty, Christian Barnard, Joan Crawford, Cassius Clay e Federico Fellini.

L’albergo acquisito da Salvatore Naldi, imprenditore napoletano, si presenta come Marriott Grand Hotel Flora. La struttura dispone di 156 camere tra cui 3 suite presidenziali arredate con mobili antichi in stile classico e con tutti i comfort moderni: aria condizionata, collegamento internet e TV satellitare. Nelle cinque sale con tecnologia all’avanguardia si organizzano meeting ed eventi, supportati da personale specializzato. E’ possibile pianificare matrimoni e ricevimenti seguiti da uno staff professionale, sia negli ambienti interni e sia nel terrazzo, che regala una vista mozzafiato sulla città, offerti dal Flora RoofTop Terrace.

Nel ristorante, the Cabiria, con entrata diretta dall’hotel o da via Veneto, si esalta la cucina creativa dello Chef Luigi Sorrentino di tradizione gastronomica napoletana.

Per informazioni e contatti: Rome Marriott Grand Hotel Flora Via Vittorio Veneto 191, 00187 Roma
Tel: (39) 06/489929
e-mail info@grandhotelflora.net
sito web www.hotelfloraroma.com

Continue Reading

Hotel a Roma: Regina Hotel Baglioni

Regina Hotel Baglioni

Il Regina Hotel Baglioni è situato a via Veneto e fu edificato nel 1892-1894 su progetto dell’architetto Giulio Podesti (1854-1909). La strada di felliniana memoria è stata al centro della vita mondana negli anni cinquanta e sessanta del Novecento, frequentata da attori, registi, cantanti e altre celebrità grazie alla presenza dei famosi caffè ed alberghi.

L’Hotel in stile liberty fu inaugurato nel 1904 e deve il suo nome alla presenza della Regina Margherita di Savoia che risedette nell’albergo in attesa della conclusione dei lavori per la residenza ufficiale di Palazzo Margherita; oggi sede dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America. La Sovrana ebbe un trattamento così eccezionale da autorizzare nel 1911 l’allora proprietario della dimora all’utilizzo del nome regale.

L’edificio si sviluppa su cinque piani compreso un amezzano con facciata caratterizzata da elementi decorativi che circondano le finestre e da cornici marcapiano con dentelli e palmette che definiscono i livelli. La facciata, arricchita agli angoli da lesene in stile dorico e ionico, è rifinita da un imponente pensilina in ghisa in stile floreale.

Nel 1987 l’albergo fu rilevato dalla prestigiosa catena Baglioni Hotels, le cui dimore sono tutte situate in palazzi storici di pregio culturale ed artistico. Nel 2009 un’importante ristrutturazione ha rinnovato la splendida Sala Belvedere, situata all’ultimo piano, sul roof dell’albergo, con una struttura in cristallo, a luce naturale, completamente oscurabile.

Questo spazio, con la magnifica vista della Basilica di San Pietro e dell’intera città antica, diventa il luogo ideale per indimenticabili coffee break e business lunch. Le 127 camere, arredate con gusto classico, in ambienti spaziosi, ricercati e confortevoli, sono dotate dei seguenti servizi: internet ad alta velocità, WI-FI e TV a schermo piatto. Le 5 lussuose Suite, la Roman Penthouse Suite, la Suite Ludovisi, la Suite Regina, la Suite Margherita e la Suite Dolce Vita, maestose ed affascinanti, garantiscono la privacy e rendono il soggiorno unico ed esclusivo.

La SPA è un luogo intimo e singolare dove rilassarsi tra profumi e musica. Oasi all’interno della struttura è composta da: la reception, gli spogliatoi, due sale massaggi ed una sala beautician, fitness centre, sauna, bagno turco e una vasca per idromassaggi.
Il Brunello Lounge & Restaurant, con ingresso interno all’albergo ed uno indipendente su Via Veneto, accoglie i clienti in un’atmosfera eleganza con menu di terra, di mare e piatti della tradizione gastronomica italiana, rivisitati dallo Chef Luciano Sarzi Sartori. Lo staff in sala è pronto ad offrire un ottimo servizio di accoglienza e di assistenza per garantire una perfetta riuscita di cene galanti e di matrimoni per un max di 50 persone.

Per informazioni e contatti: Regina Hotel Baglioni Via Veneto, 72 00187 Roma
tel: (39) 06421111 fax: (39) 0642012130
e-mail: regina.roma@baglionihotels.com
sito internet: www.baglionihotels.com

Continue Reading